Mastoplastica Additiva

Intervento di Mastoplastica Additiva (aumento del seno) a Napoli e Roma

  • Che cose'è la Mastoplastica Additiva
  • Come avviene la Mastoplastica Additiva
  • Quanto dura la Mastoplastica Additiva
  • Che tipo di anestesia per la Mastoplastica Additiva
  • Post operatorio per la Mastoplastica Additiva
  • Complicanze per la Mastoplastica Additiva
  • Consigli per la Mastoplastica Additiva
  • È possibile allattare dopo la Mastoplastica Additiva

  • Che cose'è la Mastoplastica Additiva

    Le motivazioni che spingono una donna a decidere di aumentare il volume del proprio seno sono molteplici: senso di inadeguatezza nei rapporti interpersonali, desiderio di un aspetto più sensuale e desiderabile ecc. È fondamentale una visita specialistica accurata per la piena valutazione del problema e per la comprensione delle motivazioni che spingono la paziente all'intervento di mastoplastica: gravi problemi psicologici, aspettative inadeguate alla realtà, eccessiva sfiducia in se stessi o altri disturbi psicologici possono essere riconosciuti per controindicare la chirurgia, sia nell'interesse della paziente che del chirurgo.Va tenuto in prima considerazione il desiderio personale circa il volume o la forma del futuro seno. Il chirurgo dovrà eventualmente dare il proprio consiglio in base alla propria esperienza professionale, alla valutazione di alcuni parametri oggettivi, quali l'altezza, il peso, la larghezza delle spalle, costituzione, ecc. È durante la prima visita che verrà decisa quale tecnica verrà utilizzata e in quale piano verranno posizionate le protesi (sotto la ghiandola o sotto il muscolo). A questa prima fase, diciamo così progettuale, deve essere dedicata tutta l'attenzione e il tempo necessari in una o più visite successive. Senza fretta.  Inoltre oggi abbiamo anche l'ausilio del Biodynamic System.

    Come avviene la Mastoplastica Additiva

    Esistono basicamente tre diverse vie d'accesso, di pochi centimetri di lunghezza: al margine inferiore di ciascuna areola, nel solco sottomammario e a livello ascellare. La scelta viene fatta in considerazione di alcuni parametri anatomici e secondo la preferenza della paziente. Viene quindi allestito uno spazio sufficiente ad alloggiare le protesi scelte. Al termine, vengono posizionati due drenaggi, uno per lato, che impediscono la formazione di raccolte liquide.

    Quanto dura la Mastoplastica Additiva

    Circa un' ora

    Che tipo di anestesia per la Mastoplastica Additiva

    Viene eseguito in anestesia generale.

    Post operatorio per la Mastoplastica Additiva

    Uno o più giorni dopo l'intervento, vengono sfilati i drenaggi. Dopo sette, vengono rimossi i punti di sutura e la paziente può fare la prima doccia. È raccomandabile non eseguire sforzi intensi durante il primo mese (sollevare bambini, valige ecc.), in particolare se la protesi è stata posta sotto il muscolo.
    Dopo un intervento di mastoplastica viene generalmente riferito un senso di indolenzimento (simile a quello che si prova dopo un'intensa attività fisica) specie se l'impianto è stato posizionato sotto il muscolo. Eventualmente compensato con i comuni analgesici.

    Complicanze per la Mastoplastica Additiva

    Come per ogni intervento chirurgico esiste il rischio potenziale di complicanze, che sono, come spesso accade in chirurgia estetica, di moderata entità. In rari casi vi è la possibilità di formazione di una capsula fibrosa più consistente intorno alla protesi che ne può modificare la consistenza al tatto. La testurizzazione delle nuove protesi riduce notevolmente quest’ evenienza. Le infezioni sono eccezionali e dominate eventualmente con opportuna terapia antibiotica.
    Il rischio di ematomi, è anch'esso raro grazie all'utilizzo dei drenaggi post-operatori.
    Non esiste la possibilità di rottura spontanea durante viaggi in aereo.

    Consigli per la Mastoplastica Additiva

    Le protesi mammarie:  ne esistono di moltissimi tipi ; quindi non esiste una protesi ideale ma una protesi specifica per ogni mammella. Quelle di utilizzo più comune sono riempite di silicone, perché attualmente offrono i migliori risultati in termini di naturalezza e morbidezza. L'utilizzo di protesi mammarie testurizzate è oggi diffuso e continuo in tutto il mondo perché è stata dimostrata la loro innocuità ed incapacità di provocare alcuna patologia. La mammografia può essere eseguita tranquillamente solo informando il radiologo della presenza delle protesi in modo che possa utilizzare particolari proiezioni per ben distinguere la protesi dalla ghiandola mammaria.

    È possibile allattare dopo la Mastoplastica Additiva

    Dato che le protesi vengono alloggiate in un piano profondo alla ghiandola mammaria, che viene quindi rispettata, non vi è alcuna interferenza con l'allattamento al seno. Per lo stesso motivo non ostacolano le indagini diagnostiche (ecografia, mammografia o la stessa auto-palpazione) che dovranno eventualmente essere eseguite.
    RICHIEDI UNA CONSULTAZIONE

    Nome e Cognome
     

    Data di Nascita
     

    Telefono
     

    Email


    Città
     

    Intervento
     

    Privacy Policy


    Newsletter
     








    Scarica la nostra brochure

    NUTRIZIONE
      © 2017 STUDIOASCIONE P.I. 00791860620 | Privacy Policy | WebMail | CMS | Tech-Web Agency
      Siamo presenti nel Portale di Medicina e Chirurgia nella sezione: Chirurghi Plastici